Archivi categoria: Poesia

SEGNALAZIONE USCITA – Nell’ora chiara che tutto accoglie

Titolo: Nell’ora chiara che tutto accoglie
Autore: Francesco Margani
Genere: Poesia
Editore: Controluna (Link d’acquisto)
Data di pubblicazione: Ottobre 2018

Biografia Autore

Francesco Margani nasce nel 1958 a Niscemi; ha varie pubblicazioni all’attivo: “La Cenere Prima del Diluvio” (1988) riedito nel 2010; “Luce e Polline” (2002); “Alfabeto minimo” (2005); “Nell’addio germoglia la terra” (2014, potete trovare la recensione qui). I suoi versi sono apparti su “ClanDestino”, “Atelier”, Gradiva”, “Murales”, “Graphie”, “Cultura&Libri”. “Nell’ora chiara che tutto accoglie” contiene una selezione di poesie scritte dagli anni Ottanta ad oggi.

Prefazione

Miti quotidiani, conoscenze che cambiano seguendo i colori del giorno, fondali trasfigurati da sguardo e pensiero mossi verso i punti cardinali. C’è forte dipendenza tra il minimo eroismo della consuetudine e il sogno del mito. L’accostamento alle cose da parte di questa poesia racconta condizione assolutamente vitale, il ricorso alla natura è abitato da influenze panteiste e la personificazione aggiunge ritmi umani lungo tutto il ciclo delle correnti terrestri.

Elio Grasso

V EDIZIONE CONCORSO LETTERALPOETICOFOTOGRAFICO

Per la V Edizione del nostro Concorso LetterALPoeticofotografico abbiamo deciso di apportare qualche modifica, non riguardante il bando in sé e le modalità di partecipazione, ma nell’organizzazione dell’evento. Per cui l’uscita del bando slitterà da fine settembre a fine ottobre 2018 per concludersi con la premiazione a maggio 2019 con un fine settimana ricco di incontri con l’Arte.

 

L’AMORE MALATO

L’Associazione Licenza Poetica e la Libreria Piccoli Labirinti di Parma vi invitano a inviare una poesia di massimo 30 righe sul tema “L’AMORE MALATO” entro e non oltre la mezzanotte del 18 settembre 2018 per partecipare alla selezione di 3 poesie che verranno lette il 24 novembre 2018 in Libreria, durante la presentazione di un saggio contro la violenza sulle donne.
REGOLAMENTO
  • Ogni Autore può partecipare inviando una poesia inedita. Le Opere presentate non dovranno mai essere state pubblicate da un Editore, possedere un codice ISBN o essere state premiate ad altri Concorsi.
  • Sono ammessi componimenti poetici liberi senza vincoli metrici per un massimo di 30 righe (titolo escluso).
  • Lingue ammesse: italiano.
  • La selezione è riservata ai maggiorenni.
  • Le Opere devono essere inviate da 18/07/2018 al 18/09/2018.
  • Gli elaborati dovranno essere spediti via posta elettronica all’indirizzo info@licenzapoetica.com, in formato .doc o .docx, con il titolo e in forma anonima, l’oggetto della mail dovrà riportare “L’AMORE MALATO”, mentre tutti i dati dell’autore potranno essere inseriti nel testo della mail (nome, cognome, età, luogo di residenza, contatto telefonico, indirizzo e-mail se diverso da quello con cui si è inviato il materiale), una brevissima nota biografica (non più di cinque righe) e una dichiarazione attestante la paternità dell’elaborato e la conferma che l’elaborato è inedito.
  • La partecipazione è GRATUITA.

SEGNALAZIONE USCITA – Acqua dolce, acqua salata

Antologia poetica che raccoglie 32 autori e le loro opere, scelte da una giuria di poeti e appassionati, ispirate al tema dell’acqua.

Fotografia in copertina di Umberto Manfredini.

Incipit della prefazione di Vincenzo Paglione (Presidente di Giuria):

I quattro elementi fondamentali (fuoco, aria, acqua e
terra) hanno ispirato, sin dall’antichità, la poesia, le filosofie
tradizionali e le cosmologie antiche. Sin dagli albori dell’umanità
la natura e i pianeti, nelle altezze del cielo, si preoccupavano della
sorte degli uomini; mentre oggi, nei cieli come sulla terra, tutto è
ormai indifferente alle sorti dell’uomo e più nessuna voce parla
loro e più nulla li obbedisce. Il tempo di parlare con gli esseri
umani è finito. Un tempo la poesia serviva per ricordare all’uomo
che doveva mantenersi in armonia con la totalità della realtà
esistente; oggi ci rammenta che questo avvertimento è stato
ignorato. La civiltà odierna ha disonorato i simboli della poesia, la
natura è subordinata ai ritmi di crescita quali il consumo, il
profitto e il mercato. L’acqua e il suo mondo simbolico sono stati
sottoposti allo sfruttamento incontrollato, il quale si cerca di
arginare con rassicuranti danze della pioggia che, in realtà,
nascondono la nostra impotenza.

Impaginazione ed editing a cura dell’Associazione Licenza Poetica.

L’antologia verrà presentata ufficialmente ad una Fiera del Libro (autunno 2018).

 

 

 

SEGNALAZIONE USCITA – Le poesie sono alberi

 

Titolo: Le poesie sono alberi
Autore: Giusy Del Vento
Genere: Poesia
Editore: Les Flàneurs (Link Acquisto)
Data di pubblicazione: Giugno 2018

Biografia Autore

Giusy Del Vento è autrice di prosa e poesia. E’ presente in diverse antologie di entrambi i generi letterari. Gestisce la sua pagina Autore su Facebook. Alcune sue interviste si trovano in rete, in blog e piattaforme culturali italiane ed europee. Ha pubblicato un romanzo di narrativa per ragazzi: “Filippo, Canosa e la Principessa”, con la Aletti di Roma e quattro sillogi poetiche: “Come gocce d’acqua” la prima, con poesie anche in dialetto canosino; seguita da “Il canto delle cicale” e, in collaborazione con il poeta venezuelano Giovanni Battista Petrella di Maracaibo, la terza raccolta “Al canto della musa, despierta il poeta” in spagnolo e italiano; “Nòstos” (Il ritorno) ha come tema centrale il desiderio e le emozioni dei ritorni, dove o da chi, il lettore è libero di immaginare. Suoi racconti sono stati usati in Patagonia Argentina, come materiale didattico per insegnare Italiano in una scuola. Alcune sue poesie sono state tradotte in francese, tedesco, inglese, spagnolo, macedone, greco, esperanto e polacco. Attualmente è alla sua ultima silloge poetica, “Le poesie sono alberi” edita da Les Flàneurs, giovane e dinamica casa editrice di Bari. Lettrice accanita, appassionata di storia archeologia e arte.  Fra tutti i riconoscimenti possibili, i pensieri e i giudizi dei lettori sono quelli che le stanno più a cuore.

Dalla prefazione

Cari lettori, con questa prefazione so che posso condizionare il vostro giudizio personale ma voglio essere trasparente, anche al costo di essere molto netto. Quando ho deciso di selezionare questa raccolta per il progetto dell’editore Rega, fra i tanti manoscritti ricevuti in redazione, non posso non ammettere qui, pubblicamente, che me ne sono innamorato. Ritengo che per onestà intellettuale questa cosa vi andava detta subito.

E questo perché la visione della poetessa Giusy Del Vento mi ha fortemente rapito, è candida ed illuminata, e con questi connotati fa parlare il bello, la semplicità dell’universo che appare nelle piccole cose, descrivendo in modo particolare, di quanto siano ricchi gli uomini pur non sapendolo.

Oggi voglio essere felice
Compro una anguria e
la metto al fresco, solo
per guardarti mangiare
mentre ridi
I denti bianchi
contro il rosso della fetta
e questo mi basta

Una scrittura essenziale, asciutta, nonostante ben si intraveda tutta la profondità. Posso dirvi che è come quel mare fresco, estivo, quando lo scorgi dall’alto di uno scoglio e per la limpidezza puoi andarne a fondo. Così scrive Giusy, con questa semplicità naturale, e con densità, colori e profumi, in poche parole dando voce profonda ed attenta alla bellezza del cosmo e dell’anima mundi. Il motto incarnato in questi versi è costante: La bellezza salverà il mondo e la poesia ne è la voce.

Carlo Picca, curatore della collana Poesia

AUTORI SELEZIONATI ANTOLOGIA “ACQUA DOLCE, ACQUA SALATA”

Finalmente si è conclusa la selezione per l’antologia “Acqua dolce, acqua salata”. Non si tratta di un concorso dove c’è un vincitore, ma di una selezione di Opere sul tema dell’Acqua. L’antologia sarà pubblicata in entrambi i formati, digitale e cartaceo, e sarà presentata in occasione di una Fiera, a cui inviteremo anche gli autori, per trascorrere qualche ora insieme. Qui di seguito troverete i nomi dei 32 autori selezionati e i titoli delle loro Opere (in ordine alfabetico):

Aiello Velia Mare

Bellini Eleonora Sete

Borroni Marta L’uomo della mia mente

Bricco Mauro Porto

Cabiati Bianca Fiume

Capone Marilù Le sirene di Taranto

Capri Manuela Perdono

Censi Simone A Senza

Consoli Marika Acqua, che hai da dire le mani, la pelle, dolce porta la notte

Daneluzzi Franco L’acqua e il molino

D’Ascoli Carmela Come acqua di fiume

De Felice Sandra Acqua salata

Del Vento Giusy Senza Titolo

Facoetti Francesca Il lavoro

Galfano Gianmarco Dolce salato

Giuni Marinella La bottiglia

Lamolinara Marco Mare Mare

Macchia Patrizia Nuovo giorno

Magagna Brunella Sussulti d’acque

Mione Amilcare Acqua dulza acqua salada 

Morpurgo Roberto Fingerti

Palmas Aldo Il ruscello

Piffer Irene Tutto quel mare

Pittaluga Ileana Confine

Ronchi Claudia Acqua dolce

Rossi Laura Sardegna La Maddalena

Rossi Laura Momenti

Rossi Paola Io non uso l’ombrello

Rotolo Maddalena Mare di notte

Ruffo Rosanna Riflessi d’acqua

Sortino Gaetano Acqua i funtana

Zanaria Lina Gabriella Fossile

 

 

 

UNA FINESTRA SUL MONDO

Soglia di ogni giorno

resiste al tempo

senza affogare.

 

La mia vita

chiusa tra i panni, il sole

e l’aria salata

respira, si espande

scardina i confini.

 

Come naufrago

senza meta

vago e ritorno

sempre

sotto quell’arco

soglia di ogni giorno.

 

Greta Meroni

Terza Classificata

Sezione A – Poesia e Fotografia

 

Biografia

Greta Meroni, classe 1999, studentessa del liceo artistico Fausto Melotti di Cantù. Appassionata di poesia e fotografia.

Menzione

I versi si dipanano seguendo un ritmo incalzante. Sembrano accompagnare l’incedere di una umanità varia, colorata, talvolta dolente, ma mai doma. C’è una scelta nelle parole che pare finalizzata a rendere questa impressione quasi che il suggerimento indotto sia quello di non credere alla perfetta chiusura del recinto di cui parla l’ultimo verso. La giovane poetessa, col connubio delle Opere, ha ben raffigurato i contrasti tra la libertà e il tram tram quotidiano. Notevole capacità di dare senso al reale attraverso livelli e linguaggi espressivi diversi ed efficaci.

FAGGETA

Suoni di bosco 

come in cattedrale: 

raccoglimento 

 

Diego Baldassare 

Secondo Classificato

Sezione A – Poesia e Fotografia 

 

Biografia

Diego Baldassarre è nato a Roma il 4 luglio 1969 e vive sulle colline di Pistoia. Ha all’attivo diverse pubblicazioni e ha ricevuto diversi premi, tra cui una menzione speciale al Premio Giorgio Caproni 2016. 

Menzione

Rendere in versi il silenzio: è ciò che ha fatto il poeta. La magia in questa composizione sta nell’equilibrio delle lettere scritte e di quelle indotte. Ciò si mostra attraverso l’immagine, è l’emozione più profonda quando si è immersi nella natura. Un silenzio metafisico, che si trasforma in brivido, in un lessico tematico simbolico e metaforico. Frutto di un’ispirazione trascendente poetica e umana nel medesimo tempo.