L’AMORE MALATO

L’Associazione Licenza Poetica e la Libreria Piccoli Labirinti di Parma vi invitano a inviare una poesia di massimo 30 righe sul tema “L’AMORE MALATO” entro e non oltre la mezzanotte del 18 settembre 2018 per partecipare alla selezione di 3 poesie che verranno lette il 24 novembre 2018 in Libreria, durante la presentazione di un saggio contro la violenza sulle donne.
REGOLAMENTO
  • Ogni Autore può partecipare inviando una poesia inedita. Le Opere presentate non dovranno mai essere state pubblicate da un Editore, possedere un codice ISBN o essere state premiate ad altri Concorsi.
  • Sono ammessi componimenti poetici liberi senza vincoli metrici per un massimo di 30 righe (titolo escluso).
  • Lingue ammesse: italiano.
  • La selezione è riservata ai maggiorenni.
  • Le Opere devono essere inviate da 18/07/2018 al 18/09/2018.
  • Gli elaborati dovranno essere spediti via posta elettronica all’indirizzo info@licenzapoetica.com, in formato .doc o .docx, con il titolo e in forma anonima, l’oggetto della mail dovrà riportare “L’AMORE MALATO”, mentre tutti i dati dell’autore potranno essere inseriti nel testo della mail (nome, cognome, età, luogo di residenza, contatto telefonico, indirizzo e-mail se diverso da quello con cui si è inviato il materiale), una brevissima nota biografica (non più di cinque righe) e una dichiarazione attestante la paternità dell’elaborato e la conferma che l’elaborato è inedito.
  • La partecipazione è GRATUITA.

SEGNALAZIONE USCITA – Acqua dolce, acqua salata

Antologia poetica che raccoglie 32 autori e le loro opere, scelte da una giuria di poeti e appassionati, ispirate al tema dell’acqua.

Fotografia in copertina di Umberto Manfredini.

Incipit della prefazione di Vincenzo Paglione (Presidente di Giuria):

I quattro elementi fondamentali (fuoco, aria, acqua e
terra) hanno ispirato, sin dall’antichità, la poesia, le filosofie
tradizionali e le cosmologie antiche. Sin dagli albori dell’umanità
la natura e i pianeti, nelle altezze del cielo, si preoccupavano della
sorte degli uomini; mentre oggi, nei cieli come sulla terra, tutto è
ormai indifferente alle sorti dell’uomo e più nessuna voce parla
loro e più nulla li obbedisce. Il tempo di parlare con gli esseri
umani è finito. Un tempo la poesia serviva per ricordare all’uomo
che doveva mantenersi in armonia con la totalità della realtà
esistente; oggi ci rammenta che questo avvertimento è stato
ignorato. La civiltà odierna ha disonorato i simboli della poesia, la
natura è subordinata ai ritmi di crescita quali il consumo, il
profitto e il mercato. L’acqua e il suo mondo simbolico sono stati
sottoposti allo sfruttamento incontrollato, il quale si cerca di
arginare con rassicuranti danze della pioggia che, in realtà,
nascondono la nostra impotenza.

Impaginazione ed editing a cura dell’Associazione Licenza Poetica.

L’antologia verrà presentata ufficialmente ad una Fiera del Libro (autunno 2018).