LA LINEA BLU

La piccola Maddalena non aveva mai visto il mare. Quella mattina suo padre voleva farle un regalo. Aveva preso un permesso dal lavoro per stare con lei, l’aveva caricata in macchina che ancora dormiva e dopo un’ora e mezza di viaggio erano alla spiaggia.  

Maddalena aprì gli occhi e le parve di essere ancora immersa nel sogno di poco prima. Suo padre la posò a terra, i piedini nudi toccarono la sabbia fredda e la bambina saltellò come se scottasse. Poi, con lo stesso passo eccitato, si avvicinò all’acqua e si accovacciò goffamente, nel vano tentativo di afferrarla. Suo padre la trattenne, per evitare che cadesse, ma non riuscì a sottrarla all’onda che stava arrivando, e che le bagnò il volto e i vestiti. Maddalena si strofinò gli occhi con le morbide manine, un po’ confusa ma per niente spaventata. Anzi, non appena la stretta del padre si allentò un poco, ritentò nell’impresa di abbracciare quell’immensa massa d’acqua e questa volta ci riuscì, finendoci a capofitto. Allora pianse, ma solo per qualche istante, perché suo padre la prese subito fra le sue braccia e la cullò, sussurrandole all’orecchio parole incoraggianti. Quindi la posò di nuovo a terra, in piedi sulle sue esili gambe, e le prese la mano. Insieme a lei restò immobile a contemplare l’orizzonte.  

Maddalena era ancora troppo piccola per capire cosa significasse appartenere alla riva opposta del mare, arrivare da tanto lontano e cercare il proprio posto in una terra straniera, trovarlo a fatica e lottare per mantenerlo.  

Sorrideva, Maddalena, guardando incantata il punto in cui cielo e mare si toccavano, e non poteva sapere che oltre quella linea blu c’era qualcosa, c’era il passato. 

Sorrideva, l’uomo, guardando la bambina, e in cuor suo sapeva che lì, proprio nelle sue mani, c’era il futuro. 

 

Marianna Vitale & Filippo Drudi 

 

Secondi Classificati al Concorso “Finestre sul mondo”

Sezione B – Racconto e fotografia

 

 Biografia

Marianna Vitale (classe 1993),  riminese, ha pubblicato due romanzi per ragazzi, è laureata in Culture e Tecniche della moda e attualmente frequenta un Master in Sviluppo Creativo e Gestione delle Attività Culturali. 

Filippo Drudi è un fotografo nato a Rimini nel 1985. I suoi progetti “Chimere Urbane” e “I numeri non esistono” sono stati esposti presso i festival fotografici SiFest OFF e  Fotocontronti OFF. 

Menzione

È la sfida dell‘esistenza raccontata in poche, essenziali, righe. Il mare, l’acqua gigantesca e accogliente sublima la serena accettazione della finestra sul futuro. La linea dell’orizzonte solo in apparenza segna un confine. Per l’autore le frontiere sono sempre mobili ed esili, per il lettore un percorso libero che lo stimolerà  a riflettere sulla drammatica ed egoista società contemporanea.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *