Intervista all’Autore Vinicio Salvatore Di Crescenzo e presentazione della silloge “Assoli”

VINICIO SALVATORE DI CRESCENZO-SCRITTORE POETA

VINICIO SALVATORE DI CRESCENZOSCRITTORE E POETA-PARLERA' DELLA SUA NUOVA RACCOLTA DI POESIEFacebook: @viniciosdicrescenzo.officialpage-@assolivsdicrescenzo-@lemezzelaneSito Web: www.lemezzelane.altervista.org

Posted by byNight Roma "live social radio show" on Dienstag, 16. Januar 2018

La natura, i sentimenti e le profonde riflessioni viaggiano parallele lungo il corso della vita, allacciate da vincoli di sopravvivenza e da un tempo che abilmente li collega intrecciandoli tra loro come fossero elementi di un’orchestra dall’unica anima. Un’orchestra che crea la giusta melodia per ogni intima espressione. Un’orchestra che accompagna ogni istante della vita e dal quale, molto spesso, nasce l’esigenza di emergere a costituire un momento in cui ci si ritrova con se stessi. Nasce allora un assolo. Un assolo che vuole impreziosire ed arricchire con le sue raffinate note, la composizione che gli elementi naturali hanno già inventato con sagacia e dedizione. Un assolo che sappia esaltare quella melodia che esonda dalle righe dell’anima e che esuberante, racconta la propria intima poesia.

Assoli è la prima silloge pubblicata con la Casa Editrice Le Mezzelane.

Presentazione della raccolta di racconti “Lo spazio nel mezzo”

Vi segnaliamo l’aperitivo letterario di Maria Rosaria Ferrara, autrice casertana, attualmente alla quarta pubblicazione con “Lo spazio nel mezzo”, che si terrà domenica 7 gennaio dalle 19:30 presso Mozart Enoteca Winebar, Arienzo (CE)  per chi fosse in zona consigliamo di non mancare all’incontro!

A tenervi compagnia ci sarà un calice di vino e la chitarra di Raffaello De Gennaro che farà da sottofondo alle letture.

“Lo spazio nel mezzo” è una raccolta di nove racconti di genere fantastico scritti tra il 2012 e il 2016 che rievocano atmosfere metafisiche ed esplorano in modo introspettivo l’animo umano. Ambientazioni astratte ed epoche indefinite caratterizzano il viaggio di ricerca interiore intrapreso dai personaggi, viaggio nel quale la condivisione diventa il comune denominatore di ognuno dei racconti: essa è intesa come fattore che favorisce la nascita delle emozioni e soprattutto come mezzo che ne definisce la forza e l’essenza. Sono infatti le emozioni le vere protagoniste, causa ed effetto di quanto accade. Esse assumono le sembianze di personaggi insoliti e queste loro fattezze (sirene, lanterne folli, pietre parlanti e coriandoli) sono funzionali per esplorare la sensibilità umana, le relazioni tra le persone e le conseguenze che queste comportano. Vi sono poi degli elementi che ricorrono nel corso della narrazione, come il mare, la musica, l’arte e la ricerca di un altrove indefinito. “Lo spazio nel mezzo” è un luogo sospeso tra la magia di alcune esperienze personali e i tormenti della realtà del quotidiano. Un luogo immaginario che si fa metafora delle esperienze che si affrontano ogni giorno.