Perle di saggezza di Gabriele Peccati

L’ascensore si arrampica verso il reparto di ortopedia ed io rompo gli indugi. “Ti ricordi che giorno è oggi, Nonno?” Lui mi guarda inebetito, come se gli avessi appena chiesto se si può giocare a briscola da soli. “Lo sapevo, te lo sei scordato.” Gli infilo una piccola confezione regalo nella tasca della giacca di velluto. “Dalle questa e fai la faccia da pesce lesso”. Nella stanza affollata osservo i miei due ottuagenari preferiti. Nonna è ricoverata in ospedale con il femore fratturato. È caduta da una scala mentre spolverava.

Considera l’incidente come un segno divino e passa le sue giornate a recitare rosari. Nonno si annoia a lato della sedia a rotelle. L’ho strappato di primo mattino dal bar del paese e l’ho condotto in visita obbligata alla sua consorte. Lei decide di attaccare e gli fa notare che puzza di fumo. Lui prova a negare l’evidenza.

Seguono una decina buona di minuti dedicati alle filippiche della donna. Nonno promette solennemente che bagnerà i gerani tutti i giorni e che non lascerà stoviglie sporche per casa. Poi, con uno scenografico colpo di genio, estrae il pacchetto e glielo porge. Le dice solo “auguri”. Non ha la più pallida idea né di che ricorrenza si tratti né di cosa contenga. Nonna scarta il regalo e contempla le perle. Pensa al miracolo appena avvenuto. Si chiede come abbia fatto quel cialtrone del suo uomo a ricordarsi del loro sessantesimo anniversario di nozze. Nonno si compiace per la reazione gioiosa della sua principessa. Non vede l’ora di tornare alle sue partite a carte. Mentre scendiamo le scale del nosocomio, si accende una Marlboro e mi guarda. “Mi hai salvato” mi dice. “Poi ti restituisco quello che hai speso” aggiunge. So già che non rivedrò un euro, ma sono felice. Anche con l’inganno si può accendere un sogno.

 

Gabriele Peccati

Terzo classificato al Concorso “Prospettive differenti”

Sezione B – Racconto e fotografia

 

Biografia

Nato a Milano, laureato in Economia pentito e appassionato di letteratura “hard boiled”. Lavora come contabile in ambito No-Profit e nel poco tempo libero che rimane si diletta allenando giovani calciatori in erba. La sua vera ed unica specialità è quella di inventare favole per i suoi tre “piccoli”: Giovanni, Giacomo e Davide.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *